Recensione libro La Saggezza dei lupi di Elli Radinger

“La saggezza dei lupi” di Elli H. Radinger

Tabella dei Contenuti

Le forti zampe posteriori del lupo si abbassarono leggermente, pronte a saltare. Quando mi fu addosso sapevo che non c’era più possibilità di tornare indietro. Il mondo si fermò. Poi cominciò a leccarmi il viso con la sua lingua ruvida. Quel bacio fu l’inizio della mia dipendenza dai lupi.

Elli Radinger negli anni ’80 è una avvocatessa che lavora nella ricca Germania dell’Ovest, ma qualcosa non la rende davvero felice.

Per questo nel 1991 entra a far parte come tirocinante dello staff della Riserva di Yellowstone.

Questo libro racconta 30 anni di studi sui lupi americani che Elli ha potuto osservare come ricercatrice negli stati del Montana, del Wyoming e in particolare nel parco di Yellowstone.

Se vi chiedete chi sono i lupi veramente, questo è il libro giusto per voi.

Noi siamo così simili a loro e i nostri cani, che non sono altro che “Lupi travestiti” per citare il famoso libro di Barbara Gallicchio, lo dimostrano ogni giorno che trascorrono con noi.

Noi abbiamo molto da imparare dai lupi, partendo dalla riscoperta delle nostre origini selvagge, di quando 10.000 anni fa abbiamo stretto con loro un patto che dura ancora oggi.

Caratteristiche come la gerarchia e la leadership solcano le nostre e le loro giornate e le nostre e le loro relazioni nel branco.

L’attenzione e il prendersi cura degli anziani probabilmente ci rendono ancora più simili, insieme al fondamentale valore che diamo alla famiglia e alle amicizie.

Infine il gioco, come fondamento di tutto, delle relazioni che ci uniscono, fino alle implicazioni che comportano lo sviluppo del cervello: la cosidetta neotenia. Per questo siamo così uguali a loro, anche se alla fine così diversi.

Ma un altro aspetto ci unisce e in particolare unisce i lupi al mondo femminile, entrambe hanno un’anima selvaggia e indomabile, ma allo stesso tempo sanno adattarsi alle difficoltà con grande coraggio. Infatti sembrano creature sottomesse e perdenti, ma entrambe sanno vincere la paura e dimostrarsi libere e indipendenti.

Come Mia anche Elli lascia una vita per i lupi e combatte per loro, entrambe, cercando i lupi, hanno conosciuto loro stesse. Entrambe sono state scelte dai lupi ed entrambe hanno gioito e sofferto con loro.

Se ci fermiamo un momento a riflettere sui motivi che ci spingono a odiarli o che ci spingono ad amarli così tanto, l’unica risposta che possiamo dare è che noi siamo loro e in loro troviamo noi stessi e le nostre radici selvagge.

Se li odiamo, in fondo, odiamo noi stessi.

Posso garantirti che questo libro non rimarrà molto tempo sul comodino a prendere la polvere, come tutti i libri emozionanti, si legge in un fiato. Alla fine rimangono le loro storie: storie di lupi che hanno amato, combattuto e sono morti liberi.

Clicca qui per vedere l’anteprima del libro.

Buona lettura e buon fototrappolaggio!

Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Ti potrebbe interessare:

Rimani in contatto