I figli del bosco libro di giuseppe festa

“I Figli del bosco” di Giuseppe Festa

Il libro “I Figli del Bosco” di Giuseppe Festa racconta la storia di Ulisse e Achille, due cuccioli di lupo, trovati a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro, in due parchi diversi, a centinaia di chilometri l’uno dall’altro.

Ma tante cose uniscono i loro due destini.

In primis alcune persone speciali che li salvano, che li allevano e che trasformano due batuffoli di pelo in lupi adulti. Per secondo una storia tragica e misteriosa che li ha portati da essere i predestinati padroni del bosco ad un passo dalla morte. Per terzo i loro nomi. Non nomi banali e semplici. Sin dai primi giorni era chiaro che il loro destino non era affatto semplice e scontato e che la vita avrebbe riservato loro avventure strabilianti e colpi di scena.

Per quarto l’odore intenso e pungente del croccante, quello buono e genuino che solo le nonne emiliano-romagnole sanno fare.

Tre manciate di mandorle. Una tazza di zucchero. E un ricciolo di burro. la ricetta di croccante di mia nonna.

Solo che Ulisse e Achille quell’odore non lo sentiranno mai. Ma lo sente il lettore, perché è l’odore della terra che i passi di Achille e Ulisse solcheranno.

I “Figli del bosco” non è solo il libro di Ulisse e Achille, ma è anche il libro del branco di lupi che li accoglie e gli insegna la vita del branco: Ares, Lara e Wolfy.

Ma è anche il libro di persone speciali come Elisa che ostinatamente si dedica anima e corpo ai due cuccioli con il sogno di rivederli liberi nei loro boschi. E’ il libro di Mia, Luigi e dei volontari del Centro Monte Adone e di Giuseppe Festa, l’autore. Ma è anche un libro di traiettorie.

E sono le traiettorie che il destino ci offre a renderlo straordinario.

Se partiamo da un sacchetto di plastica che si muove e da un ibrido di lupa salvata dalle cellule staminali di un Boxer, molto difficilmente potremmo pensare che si arrivi al tentativo disperato di convincere le istituzionali regionali a rilasciare due cuccioli di lupo imprintati sull’uomo nei loro boschi.

Sono le traiettorie che rendono unica questa storia, sapientemente raccontata da Giuseppe Festa. Sono le emozioni e le passioni che muovono queste persone speciali in questo viaggio mai tentato prima di allora. Ed è la fierezza e la forza che muovono Ulisse e Achille in questa avventura straordinaria che è la loro vita.

Come tutti i buoni libri c’è un cattivo, ed è la parte di noi che non accetta e teme vigliaccamente questi stupendi animali. Ma ci sono anche degli eroi che li salvano e lottano per loro.

Poi c’è il lettore e il pubblico che troppo spesso e con troppa superficialità giudica fatti di cronaca raccontati spesso in maniera approssimativa e si lascia influenzare da un substrato biologico sedimentato da secoli di credenze e dicerie.

Poi ci sono loro: i lupi, fieri, sicuri di sé, forti e coraggiosi.

Leggendo questo libro si può riscoprire il desiderio della libertà, il coraggio della fierezza e la forza dell’orgoglio che è dentro ad ogni lupo e che è dentro ad ogni uomo.

Noi come i lupi siamo la natura che ci circonda, veniamo da essa e torneremo ad essa alla fine. Noi come loro viviamo una vita piena, sociale, fatta di inseguimenti, obiettivi da raggiungere, gerarchie, ore di ozio, giochi, momenti felici e momenti drammatici.

Da millenni il rapporto che l’uomo ha con i lupi è composto da amore e paura, attrazione e rispetto, come quello che unisce gli uomini agli altri uomini e i lupi agli altri lupi.

Non dovremmo temere il lupo, ma il fatto di esserci allontanati così tanto dal nostro essere lupi.

Se mi permetti, vorrei darti un ultimo consiglio: leggi questo libro accanto ad un camino con un fuoco scoppiettante sono certo che sentirai, come l’ho sentito io, quell’odore inconfondibile e dolciastro di mandorle caramellate.

Clicca qui per vedere l’anteprima su Amazon.

Buona lettura!

Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Ti potrebbe interessare:

Rimani in contatto